19_04_18_curarte_sito

Onirica – Masks or Faces

In arrivo la quinta edizione della serata di Curarte al Caffè Letterario

Artisti emergenti si incontrano per esporre le loro opere in una serata multiartistica legata insieme da un unico tema:

MASKS OR FACES

Esposizioni + Dibattito sulla maschera nell’adolescenza + Aperitivo + Musica live + Dj set

°°Ingresso Gratuito°°

INFO E PRENOTAZIONI 3923475644, sulla bacheca dell’evento o con messaggio privato.
____________________________________

“Masks or Faces?” era la domanda che si poneva Lee Strasberg, convinto che recitare fosse la ricerca della verità all’interno dell’interpretazione. Mask or Faces è un invito a spogliarvi di ogni comportamento artificioso per immergervi nel difficile compito di essere se stessi.

____________________________________

//APERICENA// a partire dalle ore 20
Buffet illimitato + Drink 15€

// Dibattito sulle maschere della modernità // ore 20:00
con la partecipazione di Tommaso Achille Poliseno, psichiatra e psicoanalista, Dott. Dott. Antonio Turano – Psicologo, psicoterapeuta e art therapist, Bruno Urbinati, artista.

// Voce e chitarra di Matteo Sica // live music ore 21:30
Giù la maschera col nostro sognatore Matteo Sica, che ci stupirà con chitarra e voce sul palco del caffè letterario.

// Dj set Arianna Del Grosso // ore 22:30
Arianna Del Grosso ci regala un’immersione nella club music con influenze tropicali, dai ritmi minimal e underground.

____________________________________

// Esposizione di Franco Vittori //
SELFIE di Franco Vittori, fotografo professionista, realizzatore delle copertine di L’Espresso, Panorama e tante altre riviste, fa qualcosa di differente dalla solita mostra fotografica: realizza una raccolta di selfie pur non avendone mai fatto uno in vita sua, per coinvolgere la comunità, per una comunicazione globale.

// Esposizione di Alessia Rottura //
Opposti è il nome dell’autoritratto della giovane artista, che ci manda un chiaro messaggio: in un mondo dove il corpo è una maschera di autocelebrazione, dove solo il bello può essere mostrato, attraverso il realismo dell’opera c’è spazio per emozioni come la timidezza, l’imbarazzo ed il desiderio di mostrarsi per quello che si è.

// Esposizione di Anaïs Banella //
Le illustrazioni di Anais sono volti senz’anima, espressioni vuote prive di emozioni, maschere che spesso indossiamo senza nemmeno rendercene conto.

// Esposizione di Bruno Urbinati //
Presenta una serie sull’ oppressione che nasce da una società che ci fornisce costumi in grado di metterci gli uni contro gli altri. La maschera è un peso a cui non riusciamo a resistere.

// Esposizione di Amanda Valentini //
Copritevi di colori, spogliatevi di tutto il resto e abbandonatevi a voi stessi. Vi riconoscerete?

// Esposizione di Mauro Romano //
Presenta l’urlo della terra: le voci della sofferenza prestano il volto ad un urlo cosmico, interno ad ogni individuo che porta con sé la propria maschera.

// Esposizione di Cristina Vintila //
Si racconta senza mostrarsi, col viso coperto di pagine: ci innamoriamo, odiamo, vergognamo attraverso le parole degli altri.

// Esposizione di Chiara Peretti //
D.s.a disturbing, strong, artwork. L artista alza la voce con un’opera altamente disturbante, ritraendo il disprezzo di chi la vede solo come un numero.

// Esposizione di Chiara Miele //
L’artista risponde con una provocazione alla richiesta della società: più ci volete perfetti più saremo vuoti.

Vi aspettiamo giovedì 18 aprile,
@ Caffè Letterario Roma (zona ostiense)

INFO E PRENOTAZIONI 3923475644 oppure sulla bacheca dell’evento e con messaggio privato.

Se siete interessati a partecipare o collaborare con Curarte non esitate a contattarci.

Data

18 Aprile 2019

Ora

19:30